guida pratica - Marine Aquarium Design Schede acquario marino mediterraneo - Marine Aquarium Design Schede acquario marino tropicale - Marine Aquarium Design

Il filtro ad alghe

martedì 5 dicembre 2017

il filtro ad alghe: cos'è, come funziona e come impostarlo

VAI AL REPARTO FILTRI AD ALGHE

Cos'è e come funziona il filtro ad alghe

Il filtro ad alghe è un metodo di filtraggio naturale, ha la funzione di tenere basse le concentrazioni di azoto e fosforo che vengono assorbiti dalle alghe.

Si può utilizzare una vasca illuminata da 12 a 24 ore al giornocon all’interno un’elevata quantità di alghe a crescita rapida come Caulerpa o Chaetomorpha o un filtro ad alghe specifico caricato con chaetomorfa, illuminato sempre dalle 12 alle 24 ore al giorno.

Le alghe per crescere sfruttano i fosfati e le sostanze azotate disciolte nell’acqua e devono essere potate con regolarità per asportare i nutrienti che hanno assorbito.

Ha il grandissimo pregio di non danneggiare il plancton, ma al contrario di favorirne lo sviluppo, fornendo così grosse quantità di mangime vivo agli organismi dell’acquario.

È un sistema di filtraggio adatto sia ad acquari marini mediterranei che ad acquari marini tropicali.

Il filtro ad alghe è particolarmente utile quando si allevano organismi sciafili (gorgonie, tubastee, dendroneftie, poriferi,…) e/o molto difficili da alimentare come le goniopore.

Come impostare il filtro ad alghe

La vasca dove si realizza il filtro ad alghe deve avere un movimento intorno a 10-20 volte il volume della vasca utilizzata come filtro, e deve avere un volume pari ad almeno il 20% del volume dell’acquario principale (meglio se più grande).

L’illuminazione non deve essere necessariamente molto forte, ma una buona illuminazione, magari con temperatura di colore bassa (3000 - 6000 Kelvin) rende il filtro più performante.

Nel caso in cui si decida di utilizzare la Caulerpa prolifera il substrato dovrà essere costituito da uno strato di sabbia, più o meno spesso a seconda della granulometria della sabbia; se si opterà per l'inserimento di Caulerpa racemosa, non sarà necessaria la sabbia, ma sarà meglio mettere qualche roccia su cui possa crescere; la Chaetomorpha invece crescerà bene anche in assenza di qualunque tipo di substrato.