guida pratica - Marine Aquarium Design Schede acquario marino mediterraneo - Marine Aquarium Design Schede acquario marino tropicale - Marine Aquarium Design

Cianobatteri: cause e soluzioni

venerdì 21 ottobre 2016

Problemi con i cianobatteri in acquario? Di seguito troverete possibili cause e rimedi per eliminarli.

Problemi con i cianobatteri in acquario? Di seguito troverete possibili cause e rimedi per eliminarli.

Le principali cause che portano al proliferare dei cianobatteri nei nostri acquari:

  • molta luce (non UV), ma la luce è indispensabile
  • lampade vecchie
  • basse temperature di colore (intorno ai 5000 K)
  • sedimenti
  • nutrienti organici
  • zuccheri, tra cui il gluconato (attenzione agli additivi a base di gluconato)
  • additivi chelati con EDTA
  • aminoacidi (ma sono utili per la crescita dei coralli, attenzione a non sovradosarli)
  • oligoelementi (ma sono indispensabili per tutte le forme di vita, attenzione a non sovradosarli)
  • ferro (ma è indispensabile per tutte le forme di vita, attenzione a non sovradosarlo)
  • correnti deboli o nulle, acque stagnanti (un corretto movimento è alla base di un buon equilibrio)
  • acquario giovani, non ancora maturo (allestito da meno di un anno)
  • poche rocce vive o di scarsa qualità - sabbia troppo fine
  • sabbia sterile
  • assenza di alghe superiori che entrino in competizione
  • densità bassa 1,015 - 1,022

Possibili soluzioni e cose mal tollerate dai cianobatteri:

  • schiumatoio
  • carbone attivo
  • rocce vive pulite, ben spurgate e nella quantità corretta
  • fondo regolarmente sifonato, senza accumuli di materia organica marcescenti
  • corrente adeguata, che non lasci punti di ristagno (se necessario usando più pompe piccole)
  • potenziali redox elevati e in genere gli ambienti molto ossidanti
  • luce con temperature di colore fredda, 10.000 K o superiori
  • luci attiniche, con emissione intorno ai 420 nm
  • competizione di alghe a crescita rapida (Caulerpa, Chaetomorpha,...)
  • oligoelementi dosati nelle quantità corrette, senza eccessi
  • sifonare i cianobatteri durante i cambi d'acqua, non è una soluzione, ma una volta ripristinate le condizioni ottimali aiuta a farli sparire più velocemente, inoltre, aspirandoli si rimuove anche un'elevata quantità di sedimenti che gli forniscono nutrimento


In bocca al lupo!!!